Ciao, come va?

Durante ogni nostra giornata siamo circondati da diversi suoni e rumori, e molto spesso reagiamo davvero in pochissimo tempo, con una sensazione che può essere positiva o negativa.

Ci facciamo coinvolgere alla fine da tutti quelli che sono i suoni che il nostro orecchio percepisce, e proprio per questo che viene utilizzato anche per fare marketing.

 

Non ci credi?

 

Pensa a quante grandi aziende ti vengono in mente semplicemente ascoltando una canzone o una melodia.

Questo perché dopo aver sentito una melodia, che ti ha portato una sensazione positiva la colleghi immediatamente ad un determinato prodotto a cui sei interessato.

Questo viene denominato Sonic Branding, cioè utilizzare una canzone, un suono o una melodia per creare una connessione emozionale con le persone e rafforza il richiamo al brand.

Negli ultimi anni il branding si è focalizzato su video e immagini senza audio, ma con l’assistenza dei suoni si va verso un futuro in cui le emozioni hanno un ruolo sempre più importante nel marketing e quindi nella scelta che le persone fanno negli acquisti.

A partire dal 2018 sono state molte le aziende che si sono spostate verso questo particolare ramo del marketing, come ad esempio per citarti alcune famose aziende la coca cola e mc-donalds.

Come puoi notare da questi due esempi, la musica e il messaggio che hanno utilizzato trascende qualsiasi barriera che si può incontrare nelle varie parti del mondo, come ad esempio quella linguistica e culturale.

Con un semplice jingle riescono a trasmettere le emozioni e a promuovere il proprio brand in qualsiasi parte del mondo.

 

Però il Sonic Branding non viene utilizzato solamente per la promozione dei prodotti.

carta_credito_contactless_visaAlcune aziende hanno voluto utilizzare i suoni per far sentire più sicuro e a suo agio il consumatore durante la fase di acquisto vero e proprio.

Ad esempio Visa e MasterCard hanno aggiunto un suono quando tutte le persone che vanno a pagare con le loro carte, questo in modo di garantire la sicurezza che il pagamento sia stato effettuato corretamente.

Questo porta ad un livello più alto di attenzione perché la persona rimarrà in attesa del suono di buon esito.

 

Quindi per concludere, in un mondo sempre più popolato da assistenti vocali come Siri, Alexa ed Echo, e in cui l’interazione tra uomo e macchina è sempre più sonora, il sonic branding assume un ruolo sempre più importante all’interno del marketing aziendale e nel processo di interazione con i prodotti, spingendo i brand a pensare non più a come connettere con i propri consumatori tramite visual efficaci, ma a spostare la propria attenzione su ciò che sentono, parte integrante dell’esperienza emozionale.

Tu cosa ne pensi dei suoni per il tuo brand? fammelo sapere nei commenti

Un abbraccio – Andrea